Nuovo capitolo nella diatriba fra AT&T e Verizon

di Redazione 155 views0

Ieri, mercoledì 18 novembre, un giudice federale ha respinto la richiesta di AT&T di cancellare la programmazione di “There’s a Map for that” decretando che “seppur gli spot pubblicitari possano essere leggermente meschini, ciò non giustifica la possibile rimozione dai canali televisivi“.

L’arbitro della questione, poi, ha ulteriormente commentato la questione dicendo che” i telespettatori guardano la tv in uno stato semi catatonico e le informazioni presentate possono essere facilmente interpretate male“.


Una seconda udienza è fissata per il 16 dicembre, anche se Verizon continua ad affermare che AT&T abbia fatto causa senza giustificato motivo ma solo perché “la verità fa male”.
Sono di queste ore, come risposta alle pubblicità ed affermazioni della società di New York, lo spot pubblicitario presentato nel video sopra questa notizia e la nascita del sito truthabout3g.com; l’azienda texana con sede a Whitacre Tower ha successivamente annunciato che intende aumentare il proprio network 3G entro il 2011 e con 1900 nuovi ripetitori nel 2009.

Di certo, dal punto di vista legale e non solo, siamo sicuri che non si fermerà tutto qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>