Apple: il futuro della rete

di Lorenzo Paletti 314 views4

Jonny Evans su Computerworld fa una interessante analisi di FaceTime e del perché questo rappresenti il futuro in rete per Apple.

Sottolineando come sia evidente che sia Ping che MobileMe dimostrino come il futuro di Apple non sia votato (in maniera decisiva) vero il social network, Evans ritiene che il futuro che Apple vede è lo stesso che 10 anni fa la spingeva a mettere quella celebre i davanti alla parola Mac per creare un computer che ruotasse e fosse l’accesso al web.

I piani futuri di Apple dimostrano che l’azienda di Cupertino crede ancora nella rete, ma non in Internet. Il servizio musicale in streaming che prima o poi arriverà e FaceTime sono l’esempio lampante di come il network che Apple vuole venga usato è il suo network. FaceTime viene gestito dai server Apple, il servizio di musica in streaming sarà gestito dalla ex Lala Music ad Apple per inviare musica live ai dispositivi mobili (e fissi).

In questo modo il sistema chiuso di Apple consente di dimostrare ancora una volta la sua forza: la semplicità di utilizzo. FaceTime su iPhone 4, ad esempio, non richiede alcuna impostazione da parte deludente.

Con Mac e Windows presto pedine di FaceTime, e un nuovo modello di iPad, che pare scontato vanterà una fotocamera frontale, il futuro del network di Apple ha sede a Cupertino.

E se poi FaceTime dovesse (come è probabile, visto che è uno standard open) arrivare anche su Windows Mobile, Android, Nokia e BlackBerry, sarebbe così assurdo che Apple diventasse una sorta di carrier telefonico?

Forse mancano degli anni, ma Jobs ha dimostrato più volte di sapere vedere molto lontano.

via | Computerworld

Commenti (4)

  1. Piccola correzione: deludente>dell’utente
    Mah, un carrier, sarebbe come dire che skype fosse un carrier…comunque bisogna pagare una società telefonica per il traffico internet…secondo me non è corretta l’analisi. Jobs ha una sua visione di internet (es. html5 vs flash) con le sue ragioni e cerca di imporla, ma parlare di “suo” internet o di “carrier” mi sembrano paroloni.

    1. L’articolo da cui ho preso la news si spingeva anche a supporre l’acquisto di carrier telefonici per diventare proprietari della propria linea. Inoltre c’è sempre il WiFi (almeno in America) che permette una buona base d’appoggio almeno nelle principali città.
      Sinceramente non so neanche io dove Apple andrà a parare con FaceTime, sono curioso di vedere.

  2. Ah bon…per fortuna l’avevi moderato! 🙂
    Non dico sia male FaceTime, anzi, potrebbe essere una buona idea dare un servizio alternativo a skype però…insomma, certe volte mi sembra esagerato, io ho la webcam del computer e dell’n70 che prendono la polvere! Chissà che sull’ipod non ne trovi un uso…

  3. This is the perfect blog for aonyne who wants to know about this topic. You know so much its almost hard to argue with you (not that I really would want HaHa). You definitely put a new spin on a subject thats been written about for years. Great stuff, just great!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>