RIM non accetta la sconfitta: Apple non sta facendo successo, è sull’orlo della bancarotta

Spread the love

Ultimamente RIM non se la passa molto bene. Perde sviluppatori e clienti di un certo calibro, mentre il PlayBook viene sostanzialmente spappolato dalle vendite di iPad e di un qualsiasi dispositivo Android, i cui sviluppatori stanno venendo implorati dai produttori del BlackBerry perché creino del software anche per le loro piattaforme. La compagnia dovrebbe prendere una azione decisa a questo proposito, e cambiare la situazione. Ma come prima cosa dovrebbe accorgersi che le cose non vanno bene. Non è esattamente quello che sta succedendo a Research in Motion.

Tutto va secondo i piani secondo un dirigente di RIM, Roger Martin, che racconta al Globe and Mail:

Dovremmo consegnare la compagnia in mano a bambini, o pirla che vengono dall’esterno che la distruggerebbero? O dovremmo provare a costruire la nostra strada per una successione?. Niente da fare per quanto riguarda la licenza del brand BlackBerry. E cosa ne pensa invece della competizione con iPhone: La gente diceva che non potevamo fare telefoni potenti come quelli di Apple. Sì, possiamo, ma non potevamo credere che i consumatori si sarebbero accontentati di quella batteria inefficiente e di quel network altrettanto insufficiente. Ci chiedono: “perché non potete essere come Apple”. Quindi dovremmo andare in bancarotta e licenziare i nostri sostenitori e assumere dei pirla? Cosa dovremmo fare?

Non mi pare che Apple sia sull’orlo della bancarotta o abbia cambiato direzione negli ultimi anni. Come abilmente riassunto da Ryan Fass di Cult of Mac: sembra che i pazzi stiano dirigendo il manicomio.

via | Cult of Mac

3 commenti su “RIM non accetta la sconfitta: Apple non sta facendo successo, è sull’orlo della bancarotta”

  1. aspetta… forse seguendo i link (cultofmac–>theglobeandmail) e leggendo quà e là pare che non dica proprio così, forse cultofmac ha un pò travisato le sue parole, dovrei leggere meglio l’inglese, ma non ne ho voglia ^_^. Forse fà riferimento al periodo nero di Apple quando era sull’orlo della bancarotta e ri-assunse Jobs, ecco… o non capisco io a chi si riferisce quando parla di “morons” o, se si riferisce a Jobs, è proprio un idiota peggio di Ballmer

    Rispondi

Lascia un commento