L’autore del worm Ikee assunto da un’azienda australiana

di Simone Dosoli 201 views0

Non è la prima volta, e non sarà certo l’ultima, che uno sviluppatore di un software “maligno” verso qualche piattaforma venga poi assunto da una società che con questa ci lavora.


Sicuramente ricorderete il worm Ikee che, approfittando di una piccola falla (non dovuta ad Apple) di alcuni iPhone jailbroken, ne cambiava il lockscreen con un’immagine di Rick Astley con la scritta “Ikee is never gonna give you up” (parafrasandone la canzone) mentre disabilitava la possibilità di cambiare la password SSH e cercava altri telefoni da infettare: ora il programmatore dietro questo worm è stato assunto da un’azienda australiana con la posizione di sviluppatore di software per iPhone.
Il “virus” decisamente innocuo, ma che ha dato il la a tutti gli altri, potrebbe colpire dai 17000 ai 25000 dispositivi in Australia: Ikee ha affermato che

Vista la natura del software che ho scritto, è difficile capire quanti ne siano stati colpiti. Io so che dal mio telefono ne sono stati infettati 100, ma da lì in poi non ho idea di quanti altri possano averlo contratto

Chissà cosa ne pensano di questa assunzione tutte le persone che sono state “rickrollate“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>