iFatti: la recensione

di Andrea Corsi 162 views0

Spread the love

iFatti è un’app sviluppata al fine di catalogare e riunire i fatti di cronaca avvenuti in Italia e nel Mondo dal 1960 ad oggi.

L’app è organizzata in 6 sezioni e una schermata Info: Data, Tag, Cerca, Preferiti, Casuale e Quiz.

Data

È qui possibile ricercare informazioni selezionando mese e anno. Otterremo così una lista con i fatti avvenuti nel mese di interesse e in fondo alla pagina verremo informati sui personaggi presenti al momento.

Facendo tap sulla notizia, si aprirà la pagina del fatto e sarà possibile aggiungerlo ai preferiti o condividerlo su Facebook, Twitter o via mail con i propri contatti.

Tag

Questa schermata ci consente di ricercare i fatti per parola chiave. Molto utile la possibilità di scelta tra disposizione in ordine alfabetico o per importanza.

Cerca

È qui possibile cercare direttamente il fatto.

Preferiti

In questa sezione sono contenuti i fatti aggiunti ai Preferiti dall’utente.

Casuale

Questa schermata ci restituirà, una volta premuta la relativa icona, una notizia a caso.

Quiz

Qui l’app ci porrà diverse domande, chiedendoci di indicare l’anno in cui si è svolto un determinato fatto storico.

Info

La schermata Info contiene informazioni relative allo sviluppatore e consente di consigliare l’app ad un amico tramite mail, invitare amici su Facebook, votare l’app su App Store e segnalare fatti o modifiche e visualizzare tutte le app dello sviluppatore.

Conclusioni

L’app risulta essere ben strutturata. Il flat design fa da padrone e accompagna l’esperienza utente all’interno del ricco repertorio composto da fatti storici, cronaca, personaggi, stragi e delitti degli ultimi 50 anni. Per i fatti più importanti è disponibile un collegamento a video salienti.

Peccato per l’assenza di immagini, ma tutto sommato comprensibile in ottica di non appesantire troppo l’app.

Mancanza non di poco conto invece è l’assenza di supporto completo alla definizione Retina in alcuni elementi dell’interfaccia. Ci auguriamo che ciò possa essere corretto con i prossimi update.