Il backup di iTunes è stato crackato

di Lorenzo Paletti 305 views2

Spread the love

Quando pensi di essere al sicuro, è il bello che ti sbagli. Da iOS 4 Apple ha introdotto la protezione dei bakcup di iPhone con criptatura a 256 bit. Ebbene, nonstante si tratti di un sistema sicuro, qualcuno è riuscito a crackarlo, ed è possibile farlo semplicemente lanciando un programma che anche un bambino di 8 anni saprebbe far funzionare.

Il software è chiamato Phone Password Bracker Tool, e usando la GPU del computer su cui viene fatto girare come base per testare svariate password, permette di effettuare la decrittazione di iPhone, a patto che il malintenzionato abbia a disposizione l’iPhone.

Si tratta di una notizia tutto sommato rincuorante, e per ora il cracking da remoto o tramite backup di iTunes di un iPhone sono impossibili. Questo non toglie che, per la vostra sicurezza, è bene che sappiate che un software come questo esiste e potrebbe essere utilizzato contro di voi. Certo non serve ricordarvi che la prima misura di sicurezza è evitare di lasciare il proprio telefono in giro (soprattutto se si tratta di un protitpo di iPhone 4).

via | Cult of Mac

Commenti (2)

  1. ma dico io, che razza di titoli mettete?
    il tool che citate nella newws non è altro che un banalissimo softwarino che fa brute-force o dictionary-based attacks. e come ogni software di questo tipo che rispetti usa la GPU per parallelizzare il tutto.
    chiaro che se per password uso ‘qwerty’ me la trova in un nanosecondo, ma se uso ‘S3SFS123/aas324?21112*edsad’ ci mettera una decina d’anni a trovarla…
    è sbagliato proprio il concetto, qui non c’è niente di crackato!!

  2. Quoto kralin. Anche perchè non sono pochi gli algoritmi di criptazione che si basano su chiavi a 256 bit, se fosse così semplice ancor prima della privacy dell’iphone dovreste preoccuparti di carte di credito e quant’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>