Pakage, l’alternativa a Cydia disponibile a breve [UPDATE]

di Pietro Greco 318 views3

Ancora un nuovo concorrente per Cydia, dopo Icy e RockYouriPhone arriva infatti Pakage, la nuova applicazione che, come annunciato dagli sviluppatori Xuzz/chpwn, promette di essere molto più veloce e stabile. Esattamente come Cydia, questa nuova applicazione consente di installare sul proprio iPhone Jailbroken le applicazioni in formato Debian APT/DPKG non ufficiali, ossia quelle applicazioni che per scelta dello sviluppatore (ipotesi poco probabile) o perché infrangendo le regole della iPhone SDK non sarebbero mai ammesse da Apple all’interno di App Store.

In un update del proprio account Twitter, Xuzz/chpwn fanno sapere che l’applicazione è stata inviata alla repository di ModMyi e che dovrebbe essere disponibile entro 24 ore o meno. Ciò significherebbe entro le 22 per noi qui in Italia.

Da possessore, prima di iPhone 2G e poi del 3G, ho sempre utilizzato Cydia e devo dire che effettivamente i tempi di avvio e refresh delle source sono abbastanza elevati.  Inoltre, da sempre ho sentito la mancanza di un opzione che consentisse di disattivare l’update automatico all’avvio: superfluo quando si decide di rimuovere un pacchetto installato.

Con Pakage, sempre a detta degli sviluppatori, l’aggiornamento delle source avverrà in background, consentendo così all’applicazione di essere utilizzabile già 13 secondi dopo l’avvio, contro i 45 di Cydia. Staremo presto a vedere.

Update

Sempre tramite Twitter, gli sviluppatori di Pakage fanno sapere che ModMyi ha rifiutato, a causa di diversi bug, l’inserimento del pacchetto nella loro repository. Nonostante questo, hanno deciso di rilasciare Pakage al pubblico, rendendone disponibile il download tramite internet.

Per il momento l’applicazione è in Beta e, anche se è effettivamente (poco) più veloce di Cydia, sconsigliamo l’installazione a causa degli stessi motivi che ne hanno determinato l’esclusione dalla repo di ModMyi.

Se proprio non riuscite a resistere e volete provarla:

  • scaricate il pacchetto da qui
  • accertatevi che la versione del pacchetto APT installato sul vostro iPhone sia almeno la 0.7, se non lo è, aggiornatelo.
  • trasferite il pacchetto scaricato nel folder /var/mobile del vostro iPhone tramite SSH
  • avviate MobileTerminal e digitate

    – “su root”

    – “alpine” che è la password dell’utente root  (a meno che non abbiate già provveduto a cambiarla)

    – “dpkg -i Pakage.deb” (tutto senza virgolette).

    • Dopo un respring, dovreste vedere l’applicazione sulla vostra SpringBoard.

    Commenti (3)

    1. Ciao a tutti e complimenti per questo nuovo blog!!!

      Quali sono i vantaggi e svantaggi di fare il Jailbroken sul proprio iPhone?
      Perchè alcune persone mi hanno detto che spesso va resettato tutto a causa degli aggiornamenti di Apple.

      E un vostro pare personale, il gioco vale la candela?

      Grazie…ciaooooooooo!!!

    2. @ Sbamba_che_Ganja5891:
      Ciao e prima di tutto grazie!
      Per quanto il Jailbreak, a breve arriverà un articolo dettagliato proprio su questo, vantaggi e svantaggi di effettuarlo. Su due piedi ti posso dire che, praticamente, ti apre un altro mondo e ti consente di installare tantissime altre applicazioni utilissime che colmano molte delle lacune di iPhone.

      Per contro ha degli svantaggi: primo invalida la garanzia, quindi, se succede qualcosa e non puoi ripristinare il software originale, Apple potrebbe rifiutarsi di effettuare la riparazione (anche se non ho mai sentito nessun caso).
      In secondo luogo, ogni aggiornamento richiede un po’ più di attenzione: aspettare ad aggiornare fino a quando non vengano rilasciati gli appositi software di sblocco e in alcuni casi (se hai un iPhone non comprato in Italia) bisogna reinstallare il software di iPhone da zero.

      Per me, al momento, ne vale proprio la pena.
      Ciao!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

    You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>