Google Voice acquisisce Gizmo5: sarà mai disponibile per iPhone?

di Gospel Quaggia 213 views0

Fin dal suo inizio Google Voice ha offerto una vasta gamma di funzioni per gestire le chiamate telefoniche (solo negli U.S.A.), con una sola eccezione: le chiamate devono essere dirette verso un altro numero telefonico.

Questa eccezione sembra ora essersi colmata con l’annuncio dell’acquisizione di Gizmo5, conosciuto anche come Gizmo Project. Già da qualche tempo, Google Voice abbinato a Gizmo consentiva di fare chiamate gratis in U.S.A. e Canada e a prezzi contenuti altrove, ma richiedeva il possesso di due account separati, uno per ciascuna piattaforma. Praticamente bisogna attivare l’account Gizmo, accedere a Google Voice dal browser e solo a questo punto le chiamate possono essere ridirezionate su Gizmo. Più complicato a dirsi che a farsi, ma comunque una seccatura.

Ora probabilmente le cose diventeranno più semplici, anche se Google Voice rimane disponibile solo su invito e le iscrizioni su Gizmo5 sono temporaneamente bloccate:

Mentre Google è intenta ad integrare il servizio, toccherà aspettare prima di potersi iscrivere nuovamente: un po’ come accadde quando acquisì GrandCentral, l’attuale Google Voice.

Non c’è dubbio che Google possa con questa mossa dare uno scossone al mercato della telefonia in generale e della telefonia mobile in particolare. Ma quello che interessa a noi è se mai il servizio potrà essere disponibile sui nostri iPhone.

Che sia auspicabile non c’è dubbio, personalmente però non ci credo molto, sia per le politiche di approvazione di Apple già sperimentate quando proprio Google Voice venne rifiutata l’estate scorsa, sia per lo strapotere delle compagnie telefoniche in questo senso.

Provate a pensare infatti al vostro numero di cellulare slegato da qualsiasi contratto o, meglio, indipendente da qualsiasi contratto possiate fare. Al posto di un operatore telefonico mobile io rabbrividirei e farei di tutto (molto probabilmente anche “il di più” per impedirlo). Speriamo che almeno Google Voice diventi disponibile sui nostri computers quanto prima.

[via | Macworld]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>