Nuova politica di Apple per i “cookie-cutter”

di Fulvio Minichini 242 views1

Come abiamo più volte ripetuto App Store sta ospitando, a nostro parere, troppe spam apps, ovvero applicazioni che sono poco più di lettori RSS o gallerie d’immagini. Apple evidentemente concorda con noi visto che ha deciso di mettere un freno alla fonte di queste applicazioni.

Come potete immaginare chi sviluppa questi tipo di applicazioni non è uno sviluppatore o se lo è non dovrebbe definirsi tale. Per sviluppare dei lettori RSS, gallerie d’immagini e inutility in genere si utilizzano sempre più spesso i “cookie cutter”, ovvero dei software di sviluppo user friendly che permettono più o meno a chiunque di sviluppare la propria applicazione per iPhone e pubblicarla su App Store.

Da oggi se volete sviluppare un’applicazione con uno di questi software assicuratevi di aggiungere funzionalità che non potrebbero essere svolte da una semplice web-app se non volete vedere la vostra applicazione rifiutata. Questo sarà una manna per noi utenti che iniziamo ad essere stanchi di tutta la spazzatura che gira su App Store.

Ora la domanda che tutti si pongono è: Questo nuovo criterio srà retroattivo? Noi speriamo proprio di sì. E voi?

Via | Techcrunch

Commenti (1)

  1. inutility…grandissimo termine XD
    come dicevo in un altro commento, è tutta conseguenza dei tool che permettono di sviluppare app anche per gli "utenti della domenica", quelli inesperti e senza troppa voglia o tempo o creatività…se non vogliono far esplodere l'app store, era ora di darsi una mossa, speriamo che migliorino le cose!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>