iPhone: arriva la modalità “lockdown”, i consigli per la privacy

di Francesco Bianco 45 views0

Spread the love

Proteggere efficacemente la propria riservatezza online dovrebbe essere l’obiettivo di qualsiasi utente, dato che i rischi di hacking aumentano di giorno in giorno.

In aiuto degli utenti, tuttavia, vengono anche le case di produzione dei dispositivi come smartphone e tablet, che cercano di introdurre strumenti sempre nuovi per tutelare la privacy dei propri clienti.

iPhone

“Lockdown mode”: ecco di cosa si tratta

Il prossimo sistema operativo per iPhone, iOS 16, introdurrà la “modalità lockdown”, una nuova funzionalità pensata proprio per proteggere la privacy degli utenti.

La “lockdown mode” sarà in grado di impedire a terzi di accedere a informazioni sensibili quali contatti, contenuti multimediali, messaggi di testo e email. Questa funzionalità, inoltre, bloccherà chiamate e richieste di collegamenti FaceTime da parte di contatti sconosciuti e ostacolerà tutte quelle comunicazioni che possono nascondere falle nella sicurezza.

Apple ha dichiarato che la “lockdown mode” è stata pensata in supporto di attivisti e giornalisti, sempre più frequentemente vittime della sottrazione di dati.

Altri consigli per proteggere la privacy sugli iPhone

Apple sta sostenendo attivamente la causa, ma questo ennesimo tentativo della casa di Cupertino potrebbe non bastare a salvaguardare la riservatezza dei propri dati. Ecco quindi altri consigli pratici ed efficaci per proteggere la riservatezza dei propri dati se si possiede un iPhone.

  1. Installare un antivirus

La prima cosa da fare è installare un buon antivirus in grado di rilevare e prevenire ogni possibile attacco al dispositivo. Per assicurarsi una protezione realmente efficace, è consigliabile consultare una lista dettagliata con le recensioni dei migliori antivirus gratis pensati per dispositivi iOS come iPhone e iPad, così da scegliere in modo più consapevole.

  1. Aggiornare il dispositivo

Gli aggiornamenti sono spesso orientati a risolvere i problemi relativi alla sicurezza, di conseguenza è buona abitudine effettuarli regolarmente per mantenere i dispositivi aggiornati all’ultima versione disponibile.

  1. Disabilitare Siri dal blocco schermo

L’assistente vocale di Apple può essere attivata da chiunque e non soltanto dal proprietario dell’iPhone. Pertanto, per evitare spiacevoli fughe di informazioni personali, è buona norma disattivarla dal blocco schermo.

  1. Impostare sempre un codice di accesso, Face ID o Touch ID

I dati biometrici per lo sblocco dell’iPhone sono una funzionalità efficace per garantirsi un’ottima sicurezza. L’ideale, comunque, è utilizzarli in combinazione con il codice numerico da inserire all’accensione o al riavvio del dispositivo.

  1. Attivare la verifica in due passaggi dell’ID Apple

La verifica in due passaggi (o autenticazione a due fattori) garantisce un ottimo livello di sicurezza, in quanto per permettere l’accesso all’ID Apple da un dispositivo non registrato, richiederà l’inserimento di un codice inviato tramite SMS al numero autorizzato.

  1. Abilitare “Find My iPhone”

Questa funzionalità permette di localizzare i dispositivi, inviare un segnale acustico, bloccarli ed effettuare un hard reset cancellando tutti i dati. Utile, dunque, se malauguratamente si dovesse smarrire o subire il furto del dispositivo.

In casa Apple si continuano a produrre dispositivi sempre più innovativi, ma purtroppo nessuno sarà mai immune al 100% ai rischi del digitale: mettendo in pratica questi semplici suggerimenti, si aumenterà notevolmente il livello di sicurezza dei propri dispositivi Apple.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>