Flash e Android: un buco nell’acqua

Spread the love

Motorola ha lanciato sul mercato il suo Droid 2, il primo telefono ad avere installato Flash out of the box. Il risultato, però, è piuttosto povero.

Il blog Laptop ha messo alla prova le performance del telefono nella riproduzione di alcuni video sui principali siti di produzione televisiva americana, tra cui abc.com e fox.com. I video scattano, rallentano il sistema, e la qualità dell’immagine è povera. Al contrario i video in Flash sul sito trailer della Sony Pictures funzionano perfettamente.

Il motivo di questa discrepanza è che questi ultimi sono stati ottimizzati per funzionare sui dispositivi mobili. A questo punto la domanda sorge spontanea: se è necessario fare un passo indietro e convertire i contenuti digitali perché funzionino discretamente su un dispositivo mobile, non sarebbe più intelligente convertirli in un formato free e aperto a tutti come l’HTML5?

Un altro punto del discorso è riservato ai giochi in Flash. Come scrive nel suo articolo Avram Piltch, e come già aveva detto Jobs, Flash è stato pensato per vivere in simbiosi con il puntatore del mouse, che ovviamente non è presente su una piattaforma touch. Quasi ogni gioco di Newgrounds e Addicting Games testato è ingiocabile proprio per questa mancanza.

Diversi siti, viene fatto anche notare, sono inutilizzabili a causa del caricamento delle pubblicità e degli inserti in Flash, che rallentano, fino al punto di bloccare completamente, il browser.

In una lettera aperta pubblicata da Apple lo scorso aprile, Steve Jobs aveva ripetuto per l’ennesima volta come Flash fosse un prodotto vetusto e ormai destinato ad essere lasciato indietro per la sua incompatibilità con i dispositivi touch e la sua sete di risorse, insopportabile per uno smartphone.

Abbiamo chiesto ripetutamente ad Adobe di mostrarci un Flash che funzionasse bene su un dispositivo mobile, qualsiasi dispositivo mobile, già da qualche anno a questa parte. Non l’abbiamo mai visto” scriveva Jobs.

A quanto pare continuerà a non vederlo.

via | laptopmag.com

1 commento su “Flash e Android: un buco nell’acqua”

Lascia un commento