Perché Apple non ha paura del Nexus S

Spread the love

Rene Ritchie ha pubblicato un interessante riflessione su TiPb in cui spiega per quale motivo Apple non dovrebbe essere preoccupata della concorrenza che Google sta preparando ad iPhone con il suo nuovo Nexus S.

Secondo Ritchie il Nexus One è stato un telefono che ha mostrato agli amati della tecnologia e gli addetti ai lavori la strada che i telefoni con Android avrebbero dovuto prendere (e hanno preso) mentre il Nexus S non è altro che un dispositivo che riassume dove Android è arrivato ora.

Dove sono, si chiede il giornalista, lo schermo in alta definizione, il supporto a più protocolli di trasmissione che permette l’utilizzo sulla rete 3G di TMobile, e tutte le altre feature che dovrebbero fare concorrenza ad iPhone 4? Addirittura non è presente la registrazione dei filmati in alta definizione. Certo, il Nexus S monta Gingerbread e sarà sempre aggiornato, ma questo basta a equilibrare le sue mancanze?

Forse non si chiama Nexus 2 perché non è un prodotto che evolve la linea, ma solo che la riconferma. Il Nexus One era stato un grattacapo per Apple, che non si sapeva come avrebbe risposto alle feature del telefono made in Mountain View. Il Nexus S non sembra invece essere un grande problema per Cupertino.

via | TiPb

1 commento su “Perché Apple non ha paura del Nexus S”

  1. beh, piano ad esagerare…ad esempio, riguardo allo schermo in alta definizione, certo non è il retina display però ricordiamo che per diversi mesi apple era decisamente sotto: 3,5″ 480×320 contro il nexus da 3,7″ 800×480, per non parlare del decisamente migliore amoled 4″ sempre da 800×480, con colori stupendi…ora fatico a dire qual’è il migliore, qua ovviamente sarà scontato il retina display, però ricordiamo che apple ha dovuto reagire alla prima generazione di android, non è detto che alla seconda sia del tutto indifferente…

    Rispondi

Lascia un commento