Agenzia dell’immigrazione USA dice addio a BlackBerry

di Lorenzo Paletti 116 views0

Spread the love

Research in Motion continua a ricevere colpi bassi dai suoi clienti principali: le grandi aziende e le agenzie governative. Il BlackBerry è sempre meno utilizzato in ambito professoniale, e viene sempre più spesso sostituito con iPhone o dispositivi Android.

L’ultimo esempio di allontanamento da BlackBerry è stato registrato proprio questa settimana. L’agenzia dell’immigrazione staunitense ha infatti deciso di rottamare definitvamente 50 000 BlackBerry per passare ad iPhone e Anroid.

Reuters conferma che non ci sarà nessun rinnovo di contratto con Research in Motion. I 17 600 dipendenti della compagnia avranno per le mani nuovi dispositivi che, nel complesso, costeranno all’agenzia 2,1 milioni di dollari: “L’agenzia ha spiegato di essersi appoggiata a RIM per otto anni, ma la tecnologia di RIM non può più rispondere ai bisogni tecnologici dell’agenzia”.

iPhone riesce a convincere grazie altri stretti controlli hardware e software che vegnono applicati da Apple all’ecosistema. Il vero problema per RIM è che l’agenzia dell’immigrazione è solo uno dei tanti clienti che stanno dicendo addio a BlackBerry. Mentre RIM cerca di rinnovarsi con un nuovo sistema operativo (che non vedrà la luce prima del prossimo anno) è possibile che anche l’ultima scialuppa di salvataggio di RIM sia già lontana dalla nave.

[via]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>