iPhone 5: la review

di Alessandro Moretti 532 views0

Siamo stati tra i primi a mettere le mani sul nuovo iPhone 5 di Apple, ma per ovvi motivi abbiamo dovuto testare il nuovo gioiellino “made in Cupertino” per qualche giorno prima di poter scrivere una recensione il più dettagliata e veritiera possibile.

Cominciamo questa nostra recensione dell’iPhone 5 partendo dal packaging. Per la prima volta Apple abbandona la scatola completamente bianca, almeno per il modello nero, rendendola più uniforme al colore del melafonino scelto. Al suo interno sono presenti tutte le solite dotazioni, eccetto per le cuffie, che sono sì racchiuse all’interno della scatola ma inscatolate in una elegante confezione trasparente, utile anche per racchiuderle in futuro. Le nuove EarPods sono qualitativamente più valide delle precedenti cuffie Apple. Grazie al loro design esclusivo riescono a far arrivare il suo all’interno dell’orecchio in due differenti direzioni, dando all’utente una maggiore sensazione di avvolgimento.

Ma passiamo al nuovo iPhone 5: la prima sensazione che si ha prendendolo in mano è il peso ridotto rispetto al 4/4S. Chi veniva da un precedente modello noterà subito la differenza, così come noterà una maggiore lunghezza dello schermo. Una volta acceso la seconda cosa che colpisce è il display. Il nuovo schermo da 4 pollici non solo è più lungo, ma risulta qualitativamente più valido rispetto a quello visto sulle precedenti generazioni, grazie ad una maggiore calibrazione dei colori.

Il nuovo fattore di forma del display (Widescreen), permette una maggior organizzazione degli spazi e la visualizzazione di filmati a tutto schermo, senza quelle odiose bande laterali sui bordi. Le app native sono state tutte migliorate e adattate al nuovo display, mentre quelle di terze parti piano piano stanno venendo aggiornate e sistemate. Devo essere sincero: mentre vi segnalavo le indiscrezioni pre-lancio non ero convinto di questo nuovo display più lungo ma largo come il modello da 3,5 pollici. Invece devo ammettere che la scelta non poteva essere più azzeccata. Uno schermo così garantisce una visualizzazione più comoda dei contenuti e, cosa più importante, non rende scomodo l’utilizzo dell’iPhone con una sola mano. Con questo fattore di forma più allungato, si riesce comunque a toccare il display in tutti e quattro gli angoli con una sola mano.

Per quanto riguarda le altre novità, notevole lo spessore ridotto, che rende il nuovo iPhone 5 allergico ad ogni tipo di custodia. Sarebbe un suicidio rovinare tale spessore con un case, e questo è quello che pensa anche Apple, visto che non ha realizzato un Bumper per iPhone 5. L’audio è stato migliorato, sia in chiamata che negli altoparlanti, grazie agli speaker rivisti.

Di fianco agli speaker, nella parte bassa, è presente il jack da 3,5 mm per le cuffie, spostato in basso, e il nuovo cavo Lightning. Il caro vecchio cavo dock a 30 pin lascia il posto ad un cavo molto più piccolo, che può essere inserito all’interno del dispositivo da entrambe i versi.

Ma parliamo del processore: l’iPhone 5 viene alimentato da un nuovo chip A6, che fino ad oggi non mi ha causato il ben che minimo rallentamento, anche con giochi di alto profilo (vedi Infinity Blade). La camera posteriore da 8 megapixel è stata leggermente migliorata, nulla di eccezionale in questo caso. Giusto un occhio esperto può notare la differenza.

Sfatiamo alcuni tabù: il nostro iPhone 5 nero è uscito dalla confezione senza il ben che minimo graffio. Torturandolo (sì, io tratto proprio male i miei iPhone) per qualche giorno non ho visto sorgere segni di usura sulla tanto discussa cornice nera. Quindi basta non infilarlo in borsa o in tasca con chiavi e monete al seguito per mantenere intatto il suo magnifico design.

La batteria non dura di più rispetto al 4/4S. Apple ha sì incrementato le dimensioni della batteria, ma il nuovo display più lungo assorbe inevitabilmente quella poca energia in più fornita da tale componente.

L’unica nota stonata la troviamo nel prezzo: 729€ (16GB) sono effettivamente troppi per uno smartphone, soprattutto se pensiamo che in Francia e Germania è acquistabile a 50€ in meno. I modelli da 32GB e 64GB costano invece 839€ e 949€.

Insomma, l’iPhone 5 è il miglior iPhone di sempre, e non lo diciamo così per dire. E’ stato allungato lo schermo per una maggiore visualizzazione dei contenuti, la durata della batteria è accettabile, lo spessore è da record e l’aspetto estetico è forse il più bello mai uscito dai laboratori di Jony Ive. Se ne avete la possibilità, acquistate questo iPhone 5.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>