Giappone: il terremoto potrebbe diminuire la produzione di memorie flash

di Lorenzo Paletti 143 views0

La scorsa settimana il Giappone è stato colpito, come tutti saprete, da un violento terremoto e dal seguente tsunami che ne è conseguito. Pare che il disastro porterà problemi di produzione per le memorie flash necessarie ad Apple (e a moltissimi altri nomi dell’industria dell’informatica).

Michael Yang, analista di iSuppli, ha dichiarato:

Non ci sono problemi per Apple, almeno per ora, ma potrebbero essercene nel giro di due o tre mesi.

I problemi deriverebbero dal fatto che Toshiba, compagnia che da sola produce circa il 40 percento di tutte le memorie flash al mondo, ha chiuso il suo stabilimento lo scorso lunedì per verificarne le condizioni e recuperare i problemi che sono seguiti il disastro naturale.

Secondo Yang anche una piccola interruzione potrebbe avere un effetto domino.

Apple, come saprete, è una vorace consumatrice di memorie NAND, usando il circa il 20 percento di tutta la produzione mondiale, che viene montata in iPhone, iPod touch ed iPad.

via | MacWorld

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>