ITC: HTC ha violato brevetti Apple, alcuni dispositivi saranno bloccati in USA ad aprile 2012

di Redazione 123 views0

Spread the love

Nella serata di ieri, la Commissione del Commercio Internazionale (ITC) ha pronunciato a favore dell’azienda di Cupertino in merito alla violazione di alcuni brevetti da parte di HTC.

Per l’esattezza HTC ha violato il brevetto Apple numero 5946647, che viene descritto così su Google Patent Search:

Un sistema che permette ad un computer di individuare ed eseguire azioni su strutture individuate in dati informatici. Il sistema fornisce un server analizzatore, un’interfaccia applicativa, un’interfaccia utente e un processo d’azione. Il server analizzatore riceve da un’applicazione in esecuzione dati con strutture riconoscibili, utilizza una unità di analisi del modello, come una veloce funzione di ricerca stringhe, per individuare le strutture dei dati, e le azioni pertinenti alle strutture individuate. L’interfaccia del programma applicativo comunica con l’applicazione in esecuzione contemporaneamente, e trasmette informazioni rilevanti per l’interfaccia utente. Così, l’interfaccia utente è in grado di presentare e attivare la selezione delle strutture rilevate, e dopo la selezione di una struttura individuata, presentare le azioni collegate.

Questa decisione porterà al blocco delle vendite di alcuni smartphone HTC nel territorio statunitense a partire dal 19 aprile 2012. HTC sarà ancora in grado di spedire parti di ricambio ma questo è sicuramente un duro colpo per l’azienda taiwanese.

Quella arrivata ieri sera è un’importantissima vittoria per i legali Apple. Ora l’azienda di Cupertino si ritrova una pesante decisione a favore che potrà far valere nelle altre cause legali attualmente in corso contro altri produttori di smartphone e tablet.

via | 9to5mac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>