iPhone finisce in un’altra stramba causa legale

di Lorenzo Paletti 158 views1

Le grane di Apple non finiscono mai. L’ultima ha a che fare con una ditta del New Jersey, la MultiFormat inc., che avrebbe acquistato ancora nel 2003 un brevetto con il quale proteggeva la proprietà intellettuale riguardo un “sistema di conversione multi-formato audio/video”.

Apple ha messo in vendita, usato, venduto e offerto in saldo nonché importato prodotti che consentono la conversione e la visione di programmi televisivi, inclusi computer, Apple Tv, iPod e iPhone in tutti gli Stati Uniti.

Il brevetto, presentato per la prima volta nel 1998, porta come nomi degli inventori Kinya Wahino e Barry H. Schwab e descrive un software che elabora un file video in modo che questo sia riproducibile a un determinato frame ratio e bitrate per specifici dispositivi.

Un input video potrebbe essere convertito in una varietà di formati grafici o televisivi, come NTSC, PAL, SECAM e HDTV, e le sue immagini potrebbero venire compresse con l’utilizzo di moderni metodi con il Motion JPEG, MPEG, etc.

La MultiFormat richiede il pagamento di una royality ragionevole per l’utilizzo che Apple e i suoi utenti hanno fatto convertendo i loro video per poterli riprodurre su iPhone, iPod touch e tutti gli altri prodotti di Cupertino.

via | Apple Insider

Commenti (1)

  1. ma si sono svegliato nel 2010 questi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>