Cari Operatori, con iOS6 abbiamo bisogno di più traffico e velocità

di Redazione 460 views3

Ieri durante il la WWDC 2012 è stato presentato iOS6, il nuovo sistema operativo per i device Apple che sarà definitivamente reso disponibile al pubblico nel prossimo autunno.. Molte le novità, ma con i nuovi servizi avremo un incremento della connessione dati che farà male al credito telefonico.

Più che una richiesta agli operatori la mia vuole essere una constatazione: la navigazione in Internet da dispositivi mobile è incrementata del 56%, e questo significa che più degli sms e delle telefonate ora abbiamo bisogno di traffico dati. E questo vale soprattutto per i possessori di iDevice, che hanno spostato la metà del loro lavoro in internet dal computer ai dispositivi. La nuova versione di iOS presentata ieri necessità di un quantitativo di traffico dati nettamente maggiore rispetto alle attuali soglie, e questo vale per alcuni servizi in particolare come Siri, FaceTime e Mappe.

Partiamo da Siri. L’assistente vocale finalmente verrà localizzato in italiano. In internet ci sono già molti screenshot scattati dagli sviluppatori che lo mostrano all’opera, e sembra che funzioni a dovere. Tuttavia sappiamo che tutte le risposte che appaiono sul dispositivo non vengono elaborate in locale, ma vengono inviate sui serve della Apple dove viene formulata la risposta che poi appare a schermo e a voce. Un’operazione che avviene in pochi secondi, ma che sicuramente comporta traffico dati. Negli Stati Uniti hanno reti LTE velocissime, quindi il servizio viene sfruttato al massimo e la risposta è immediata, ma in Italia in buon vecchio 3G fa sentire i suoi secondi di vecchiaia.

Altra novità presentata ieri è l’applicazione Mappe, completamente riscritta e totalmente divincolata da Google Maps. Con la nuova applicazione le mappe sono più definite grazie ad un nuovo motore vettoriale che ne fa guadagnare in qualità, ma queste mappe devono essere di volta in volta scaricate sul dispositivo per essere visualizzate, proprio come accadeva con la versione precedente. Poca cosa fino a questo punto, ma la nuova applicazione ha aggiunto la navigazione turn-by-turn che consente di utilizzare il dispositivo come navigatore satellitare che guida l’utente al raggiungimento della meta sia con un supporto vocale che con indicazioni a schermo. Utilissima come funzione, ma a quanto ammonterebbe il traffico dati scaricato se lo utilizziamo per un intero viaggio? No, non possiamo davvero permettercelo.

Infine anche per FaceTime c’è una novità, cioè la possibilità di effettuare videochiamate sotto rete 3G. Molto utile come funzione, ma anche qui si pone il problema del quantitativo di dati da trasferire. La fluidità e la qualità dell’immagine sono sinonimo di connessione di rete veloce e consistente, e ancora una volta ci scontriamo con la realtà italiana. I più ottimisti tra noi hanno un traffico dati di circa 2GB al mese, ma con questi servizi in piena attività non bastano.

A questi bisogna aggiungere altre piccole applicazioni come Facebook, Twitter, Messaggi, What’s App, Safari, Mail, Skype, Viber … insomma, tante altre piccole sanguisughe che vogliono la loro fetta di traffico, e con le tariffe attuali e la velocità consentita siamo davvero al limite.

Quindi l’appello agli operatori è quello di rivedere i piani tariffari in modo da garantire agli utenti la giusta tranquillità nell’utilizzare i servizi offerti dal nuovo sistema operativo iOS6 senza effetti apocalittici per le nostre tasche!

Commenti (3)

  1. e l’operatore ti può tranquillamente rispondere..”e noi di più soldi”..

  2. Esatto, a quegli stronzi gli levi introiti per le telefonate con Facetime e poi gli chiedi più traffico e velocità? Sei ottimista ^_^

    1. @Padre Maronno: Si, lo ammetto, sono stato piuttosto ottimista … ma non hai notato il velo di tristezza che accompagnava il testo? 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>