Telepath: Un telefono che legge nella mente

di Lorenzo Paletti 407 views0

Spread the love

Richard Wiseman è uno psicologo inglese esperto di illusioni e stranezze. Potreste conoscerlo per il suo video Colour Changing Trick (che vi consiglio di vedere immediatamente), oppure potreste conoscerlo tra poco grazie alla fantastica App che ha ideato per l’App Store.

Telepath è il nome dell’applicazione, e consente di leggere nella mente di un vostro amico. Avviatela, e mostrate all’amico i quattro numeri presenti sullo schermo: 1, 2, 3, 4. Chiedetegli di pensarne uno, ma di non dire niente. Scuotendo l’iPhone i numeri scompaiono dallo schermo.

A questo punto voi appoggiate l’iPhone a faccia in giù sul tavolo, e chiedete al vostro amico di dirvi (o mimarvi, in modo che non sospetti che l’iPhone ascolti il suo numero tramite il microfono) il numero al quale ha pensato.

Gli chiedete di fare uno sforzo di concentrazione, e inviare l’idea del proprio numero al telefono, quindi lo invitate a voltarlo per guardarne lo schermo. E il suo numero sarà lì, a guardarlo.

Questa intrigante App funziona sempre, ma necessita di un iPhone o un iPod Touch che non sia di prima generazione. Non necessariamente dovrete usare dei numeri. Potrete anche chiedere allo spettatore di pensare a uno di quattro animali, o a un’opzione per un primo appuntamento, o a uno dei quattro assi di un mazzo di carte.

Sarebbe scorretto rivelarvi il segreto del funzionamento dell’applicazione. Per quello ci penserà un video con il prof. Wiseman che vi sarà possibile visualizzare al primo avvio. Sappiate però che può funzionare in qualsiasi ambiente, anche rumoroso, e che non sbaglierete mai.

C’è poco altro da aggiungere, se non che per i vostri amici resterà qualcosa di assolutamente inspiegabile, e per voi un divertente passatempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>