Pirateria su App Store: il fenomeno dilaga?

di Roberto Coluccio 247 views0

Chiunque conosca il significato della parola jailbreak in ambito iPhone, iPod touch e iPad saprà senz’altro che nella maggior parte dei casi questa pratica viene effettuata unicamente per poter scaricare App piratate.

In pochi però immaginano quanto sia dilagante il fenomeno, e alcuni blogger hanno cercato di fare il punto della situazione, analizzando il caso specifico di una software house australiana, la GAMEized.

La società, infatti, ha lamentato 1163 download originali contro 15950 download illegali della loro App FingerKicks. E’ riuscita ad redigere queste statistiche esaminando i dati relativi alle classifiche Game Center Apple. I numeri sono sinceramente preoccupanti: più del 91% dei download sono “pirata”, ed il fenomeno pare essere in crescita.

La comunità degli sviluppatori è divisa tra manifestazioni di solidarietà e giudizi severi, quest’ultimi in merito alle risorse che la software house non avrebbe dedicato per implementare meccanismi antipirateria. Tuttavia, per un’applicazione da 0,79€ come quella incriminata, viene veramente da chiedersi che considerazione ci sia per chi investe tempo, denaro e risorse pretendendo nemmeno il costo di un caffè.

A tal proposito le riflessioni riportano a  i0n1c, l’hacker che tempo fa ha scovato la vulnerabilità tramite la quale è attualmente possibile effettuare il jailbreak untethered sui nostri dispositivi, il quale ha proposto tramite Twitter la sua idea: sviluppare un jailbreak che però blocchi la pirateria.

Di modi per arginare il problema ce ne sono diversi, dal rendere le App gratuite fornendo poi i contenuti “effettivi” tramite acquisto In-App, piuttosto che controlli con server remoti, ecc … Ma il problema alla base resta sempre, in fondo, la coscienza di chi le App le scarica. O le ruba.

via | iPhoneDownloadBlog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>