Ora tutto cambia. In peggio però

Spread the love

Un’organizzazione disastrosa che è stata resa ancora più difficile dalla scarsa disponibilità di iPhone 4: questo è il riassunto della mia giornata all’Appe Store di Roma Est che ora proverò a raccontarvi con l’amaro in bocca che ho per non essere riuscito a prendere questo nuovo melafonino tanto atteso.

Sveglia alle 5:30 del mattino e dopo circa un’oretta ero già arrivato all’Apple Store di Roma Est. Già da lontano si riusciva a intravedere il bagno di folla che stazionava davanti l’entrata del grande centro commerciale.

Una volta arrivato mi resi subito conto che le persone presenti in attesa del nuovo iPhone 4 erano circa 500 e questo venne confermato anche dal biglietto che mi fu dato che recava proprio il numero 571. Io ero il 571esimo della fila anche se bisognava ammettere che quest’ultima scorreva, almeno all’inizio, in maniera anche abbastanza veloce.

Più di una volta abbiamo domandato ai vari dipendenti dell’Apple Store quante scorte ci fossero ma mai abbiamo ricevuto risposta a questo interrogativo. Cominciavano però a trapelare le prime voci sulle presunte disponibilità: chi diceva 2000, chi 5000, ma alla fine non si sapeva nulla di ufficiale.

Dopo circa 4 ore di fila ci venne riferito che gli iPhone 4 da 32 GB erano terminati e che le scorte dei 16 GB erano ormai ridotte all’osso. Inoltre i foglietti che avevamo ricevuto non erano più validi e quindi chi prima riusciva ad entrare più possibilità aveva di prendere questo nuovo dispositivo.

La tensione cominciava a salire e molta gente cominciò anche a farsi prendere dal panico e a spintonare tutti coloro avevano avanti nella fila per riuscire ad avvicinarsi all’entrata. Un caos generale che mi ha spinto ad abbandonare la fila e a recarmi, grazie all’altra entrata del centro commerciale, davanti l’Apple Store. Qui chiesi qualche informazione ad un commesso che mi rivelò l’imminente termine delle scorte di iPhone 4 mentre altre 200-300 persone speranzose rimanevano ad aspettare all’esterno del centro commerciale.

Un’organizzazione pessima per un evento che molte persone hanno atteso per settimane e settimane ritrovandosi addirittura a tornare casa a mani vuote dopo aver trascorso più di 5 ore in fila davanti al centro commerciale. Inoltre anche le scorte che Apple ha inviato al suo Store di Roma Est sono state veramente ridotte visto che solamente circa 400 persone hanno potuto acquistare 1 o 2 iPhone 4. Insomma Apple doveva fare sicuramente qualcosa di più in vista di questo lancio tanto atteso che per molti si è rivelato essere solo un buco nell’acqua.

17 commenti su “Ora tutto cambia. In peggio però”

  1. Mah…contenti voi, capisco chi l’ha…ehm…”perso”, però aspettare un pelo di più non nuoceva. Comunque come avevo detto tempo fa secondo me la colpa è proprio per
    1)la necessità di rispettare scadenze prestabilite annuali riuscendo a star dietro con tutte le novità (rinviare il lancio avrebbe permesso di avere maggiori scorte, minori problemi di fw, display ancora con la colla e chissà, magari maggior tempo per risolvere il problema all’antenna) ed avere scorte decenti
    2)l’enorme diffusione del melafonino negli ultimi tempi, che mette decisamente sotto pressione la capacità produttiva

    purtroppo stanno davvero facendo il possibile, in primavera se ricordate avevano stretto accordi con nuovi produttori per aumentare la capacità, per ridurre il ritardo dello sviluppo del fw avevano addirittura sospeso per 2 mesi lo sviluppo dei mac (una volta core business dell’azienda!!!), ma se vogliono stare al passo con (in testa, anzi) la concorrenza introducendo le novità richieste in tempi stretti (ad es. da 1-2 anni alcuni smartphone avevano risoluzioni nettamente superiori al 480×320) e resistere alla forte pressione delle richieste, dovevano fare così o rinviare di, diciamo, un mese l’uscita.

    In cuor vostro, se voi foste Jobs, cosa fareste, slittereste la presentazione e l’uscita di un mese (con grande clamore e delusione del pubblico) o stringereste i denti, accettando qualche problema? Io, ragazzi, per una volta difendo le scelte di apple (e sapete che in genere non ci vado tenero)

    Rispondi
  2. Io avrei preferito uno slittamento…vedere tutta quella gente bloccata davanti alle porte di Roma Est dopo ore ed ore di fila ( con bambini ecc..) è stato uno strazio. Io dico almeno l’organizzazione. Sono l’azienda top nel campo dell’innovazione tecnologica ma tirar fuori due biglietti numerati proprio no è!

    Rispondi
  3. Peraltro sullo store sono finiti quasi immediatamente…
    Valutando i numeri che ho sentito da alcuni negozianti della mia zona (dei tre gestori) e quelli dei tre store italiani, mi sono fatto un’idea: Apple ha indirettamente appoggiato H3g nella sua politica aggressiva! Dei tre gestori H3g è quella che su iPhone ha puntato di più già dal 3Gs, anche in termini di immagine, che ha subito offerto un piano molto allettante per iPad favorendone le vendite, che si è schierata subito al fianco di Apple nei giorni dell'”antenna gate”, insomma…, vuole davvero essere il partner preferito per l’Italia (come poi dice da circa due anni l’amministratore delegato). Gli altri due flirtano un po’ con tutti, fanno i sostenuti e danno l’impressione di non puntare davvero su iPhone (Tim soprattutto); queste cose a Cupertino non sono mai sfuggite… 🙂

    Rispondi
  4. Questo è stato un bel lancio bluff, fatto per immagine e forse per politiche legate ai dati di borsa.
    Non ci sono mai state scorte sufficienti.
    Mi domando perchè abbiano lasciato la gente ad aspettare per ore quando era chiarissimo fin dall’apertura come sarebbe andata a finire!

    Rispondi
  5. @ Leodemonio:
    Siamo onesti, bisognava immaginarselo… Nei paesi dove è già uscito ci sono tre settimane di attesa, era difficile pensare che per noi ce ne fossero in abbondanza…
    Per quanto riguarda la gestione delle code indubbiamente avrebbero potuto far meglio, anche se dovete sempre pensare che uscire e comunicare le disponibilità è un’assunzione di responsabilità non priva di rischi; la disponibilità ad accettare serenamente lo stato delle cose dipende dal livello di civiltà delle persone escluse a priori o che rischiano l’esclusione col passar del tempo… Potrebbero anche innescarsi situazioni poco piacevoli. E la civiltà non è che proprio abbondi tra gli italiani…

    Rispondi
  6. Consolatevi ragazzi, a Milano stamane la stessa cosa.

    Anzi, forse peggio…..stessi bigliettini dati in sovrannumero dalla Security senza coordinarsi con lo Store, 32 Gb esaurito quasi subito, stessa cosa poco dopo per il 16 Gb.
    Scuse farfugliate e stridore di unghie sugli specchi da parte del personale Apple.
    Gente in coda infuriata e non informata sulle esatte giacenze disponibili.
    Mah…….

    Rispondi
  7. Non ha senso aver aspettato un mese per l’iphone e poi lamentarsi.
    se una persona lo voleva SUBITO andava in francia, inghilterra (i soldi che spendete del volo li risparmiate col fatto che costano meno i terminali)

    Ora ci si lamenta con apple. Ma apple non ha il compito di organizzare le code davanti ai supermercati. Quello dovevano farlo gli addetti alla sicurezza del centro commerciale Roma Est.
    ma si sa’ siamo in italia…

    Rispondi
  8. macchè strazio e strazio..mica stavano facendo la fila perchè stanno morendo di fame!!ed è inutile prendersela con apple se ci sono i fanatici che stanno in fila dal giorno prima, che vadano a lavorare

    Rispondi
  9. Io ho acquistato il mio iPhone 4 senza fare coda al centro Tim sotto casa mia era vuoto stamattina c’ero sl io ho preso tranquillo il mio iPhone senza abbonamento e me ne sn tornato a casa

    Rispondi
  10. Se davvero c’è qualche demente che si fa una coda di cinque ore CON BAMBINI per avere il giocattolino nuovo gli va levata la patria potestà senza passare dal via. Decerebrati…

    Gianfranco, utente Apple dall’Apple II europlus e che scrive da un 3GS, ma ha gli emisferi cerebrali funzionanti

    Rispondi
  11. Organizzazione disastrosa, gente che si alza all’alba per andare a spendere soldi, accompagnati da bambini (!).
    Ma sarete tutti un po’ coglioni? Invece di andare al mare..
    Compreso te che hai scritto l’articolo, se non vuoi fare fila e rimanere deluso, non vai come un altro milione di pecore nello stesso posto e nello stesso giorno.
    Voi siete fulminati e la colpa poi è di Apple.

    Rispondi

Lascia un commento