Attesa per l’aggiornamento iOS 13: troveremo gli iPhone rubati con maggiore facilità

di Francesco Bianco 118 views0

iOS 13

Bisogna esaminare con grande attenzione un nuovo annuncio di Apple a proposito di iOS 13 e delle caratteristiche dell’aggiornamento, considerando il fatto che tra tre mesi sarà più semplice individuare la posizione degli iPhone rubati. Si tratta dunque dello sviluppo di una tecnologia che potrebbe fare la differenza.

Proviamo a questo punto a scendere maggiormente in dettagli, analizzando quanto è stato annunciato da Apple su questa nuova tecnologia che toccheremo con mano attraverso il rilascio dell’aggiornamento iOS 13:

L’app individua un dispositivo mancante anche se non è connesso al WiFi o al rete dati cellulare dell’operatore, utilizzando la posizione di crowd-sourcing. Quando contrassegni il dispositivo come mancante, ed un altro dispositivo Apple è nelle sue vicinanze, non per forza vostro ovviamente, è in grado di rilevare il segnale Bluetooth del tuo dispositivo, e segnalare la sua posizione all’interno della mappa. La cosa è completamente anonima e crittografata end-to-end, quindi la privacy di tutti è protetta.

Quando vuoi trovare il tuo Ma rubato, il sistema si rivolge al tuo secondo dispositivo Apple, diciamo ad esempio un iPad, che contiene la stessa chiave privata del Mac, che ha generato la stessa serie di chiavi pubbliche rotanti. Quando farai un tap sul nuovo pulsante per ritrovare il tuo Mac, iPad caricherà lo stesso “hash” della chiave pubblica identificata, in modo che Apple stessa, in maniera del tutto automatica, possa cercare tra milioni e milioni di posizioni crittografati, e trovare l’hash corrispondente a quello del tuo Mac.

Massima attenzione verso iOS 13, dunque, considerando il fatto che saremo un pochino più tranquilli su una spinosa questione come quella degli iPhone rubati, secondo quanto raccolto di recente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>