Guitar Pro: l’app che tutti i musicisti devono avere

Spread the love

Da pochi giorni è sbarcata su App Store l’applicazione Guitar Pro. Il famoso software, per PC e Mac, adatto ad ogni musicista, è ora disponibile per iPhone e iPod Touch.

Andiamo a vedere nello specifico questa app.

Da oggi potrete leggere i vostri spartiti e le vostre tabulature direttamente su iPhone e iPod Touch, grazie a Guitar Pro. Potete caricare gli spartiti direttamente dal computer, tramite il WiFi, e supporta i formati GP3\4\5\6 (GPX) e PTB.

I file, tramite WiFi, possono essere caricati da iTunes, e-mail e Safari; se però volete suonare appena installata l’applicazione, all’interno vi è una libreria di brani, con la possibilità di filtrare i risultati e salvare i preferiti.

L’app funziona esattamente come sul computer, cioè vi è la riproduzione multi-traccia, dove possiamo scegliere il volume per ogni strumento o se vogliamo metterlo in muto. Nelle impostazioni possiamo anche scegliere se inserire il metronomo in sottofondo, la chitarra virtuale (come su PC e Mac) anche per mancini e la tastiera.

Come se non bastasse, Guitar Pro ci permette anche di regolare la velocità di esecuzione del brano, in tempo reale, ci permette di inviare i file via e-mail direttamente dall’applicazione e di mettere in loop qualsiasi brano selezionato.

Insomma, da musicista non potevo lasciarmi scappare questa bellissima applicazione. Consigliata a tutti gli amici musicisti e non. Da non perdere l’offerta lancio di questi giorni, che porta Guitar Pro a 3,99 €. Potete scaricarla direttamente cliccando qui.

1 commento su “Guitar Pro: l’app che tutti i musicisti devono avere”

  1. Ciao ragazzi, vi chiedo scusa, ho combinato un mezzo casino mentre utilizzavo Guitar Pro 6 sul mio iPhone 3GS… Stavo eseguendo il download di alcune tab attraverso l’utilizzo di Safari (3° immagine), quando ad un certo punto ho sbagliato e ho cambiato il sito dal quale si scaricavano… Non riesco più a ritrovarlo, potete darmi una mano per favore? grazie in anticipo.

    Rispondi

Lascia un commento