Windows Phone 8: è questo il concorrente di iOS?

di Lorenzo Paletti 158 views0

Sono giorni caldi per Microsoft: Surface, Windows 8 e soprattutto Windows Phone 8 rappresentano il futuro della compagnia di Redmond, e i nuovi hardware e software sono stati resi disponibili solo nelle scorse ore. Ma quali sono le novità di Windows Phone 8, e quali le differenze con iOS?

Tanto per cominciare Windows Phone 8 utilizza lo stesso kernel di Windows 8. Microsoft sta lavorando per uniformare le tre piattaforme (PC, Tablet e Smartphone) e il software che può essere installato e utilizzato su queste. Proprio nelle scorse ore anche Apple è tornata a sottolineare l’importanza dell’unione di piattaforma mobile e per computer. Dopo avere portato Notification Center e altre novità introdotte con iOS su OS X Mountain Lion, solo ieri sera Apple ha annunciato il licenziamento di Scott Forstall e l’inizio del lavoro di Craig Federighi su iOS. Federighi si occupa già di OS X, e come lo stesso Cook ha spiegato nella lettera inviata ai dipendenti in occasione dell’allontanamento di Forstall, l’unione dei due sistemi operativi rappresenta un passo fondamentale per Apple. Microsoft sembra però correre un po’ troppo su questo punto, e c’è il rischio che la convergenza dei tre sistemi in un tempo così breve possa portare a problemi di utilizzo su ciascuna delle piattaforme.

WP8 è un aggiornamento incrementale, che aumenta le funzioni di Windows Phone 7 senza rivoluzionarle. Il punto di forza fondamentale del nuovo OS è la solita schermata principale ricca di Live Tiles animate, che si aggiornano automaticamente riportando gli ultimi update delle app installate. In WP8 è anche possibile scegliere che lo sfondo si modifichi automaticamente in base a immagini presenti in una app installata (come Bing, celebre per il suo sfondo che cambia ogni giorno), e controllare la riproduzione audio dalla schermata di sblocco, esattamente come è possibile fare con iOS ma non con Windows Phone 7.

Kid’s Corner è invece una novità che farà piacere ai genitori che lasciano giocare i loro figli con i loro costosti smartphone. Gli utenti possono infatti selezionare una serie di applicazioni che i loro figli possono utilizzare, e bloccare il telefono con un codice. Allo sblocco del dispositivo è possibile inserire questo codice, e utilizzare normalmente il telefono, oppure scorrere con il dito verso sinistra per attivare Kid’s Corner, letteralmente l’angolo dei bambini, in cui sarà possibile lanciare esclusivamente le app precedentemente indicate.

Anche Internet Explorer è stato aggiornato, e utilizza ora lo stesso motore di IE 10 sulla versione desktop di Windows. Questo permette delle migliori performance tecniche sul device.

Come Google e Apple, anche Microsoft si dimostra interessata ai pagamenti online. Se Google Wallet è già presente su Android con chip NFC da tempo, Apple ha scelto la strada software di Passbook e dei pagamenti tramite biglietto digitale. Microsft sceglie invece di seguire Mountain View con Wallet, un sistema per effettuare pagamenti con chip NFC.  Proprio come in Passbook è possibile creare sistemi di pagamento da una app che li supporta, con la differenza che il nuovo OS mobile di Microsoft supporta ora l’hardware ampiamente utilizzato soprattutto negli Stati Uniti.

Se le mappe di Apple su iOS 6 si sono dimostrate un mezzo fallimento (e hanno probabilmente portato anche all’allontamento di Scott Forstall), Windows Phone 8 mostra ora le mappe di Nokia, che dovrebbero migliorare l’esperienza di utilizzo su qualsiasi telefono con il sistema operativo di Redmond. Interessante anche la nuova funzoine che consente, tramite i social network e i propri contatti, di evidenziare eventuali eventi d’interesse nelle vicinanze del telefono.

Verso una sempre maggiore integrazione degli store digitali, Windows Phone 8 presenta ora Xbox Music e Xbox Video, gli store per film, serie tv e brani musicali già presente ovviamente sulla console casalinga di Microsoft e su Windows 8. Addio quindi al nome Zune, che più volte si è dimostrato fallimentare. Insieme ad Xbox Music arriva anche SmartGlass, un servizio non troppo diverso da AirPlay, che consente non solo di condividere contenuti con la propria Xbox, ma anche di controllare la console di Microsoft. Il programma, disponibile anche per Android e iOS, dà ovviamente il meglio di sè su Windows Phone 8.

Se Apple e Google hanno pensato alle fotografie a 360°, Microsoft ha invece introdotto Lenses, una feature che consente di applicare dei filtri alle nuove foto scattate, che possono essere anche inviate direttamente a  CNN iReport.

Con una piattaforma che fatica a trovare dei developer convinti a spendere per lo sviluppo (senza la sicurezza di un guadagno che iOS può offrire) riuscità Microsoft a sfondare con Windows Phone 8? Certamente servirà del tempo per l’adozione del nuovo OS, considerato che nessun dispositivo con Windows Phone 7 può essere aggiornato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>