Persistono i problemi Spectre-Meltdown: arriva la reazione del pubblico

di Francesco Bianco Commenta

Tocca analizzare nuovamente i problemi Spectre-Meltdown, soprattutto se pensiamo che ora sta arrivando la reazione del pubblico con la class action negli Stati Uniti anche sulla questione iPhone

Ancora una volta è il problema Spectre-Meltdown a tener banco tra gli utenti Apple, con una minaccia diffusa a detta di molti anche a livello smartphone, se si pensa che in queste ore negli Stati Uniti è scattata addirittura una class action nei confronti della mela morsicata.

Qui di seguito possiamo analizzare in modo più approfondito le ragioni che hanno comportato un simile approccio nei confronti del problema Spectre-Meltdown:

“Tutti i processori Apple sono difettosi perchè sono stati progettati in moro errato, visto che gli hacker hanno la possibilità di accedere alle informazioni private archiviate sugli iDevice. I processori Apple espongono gli utenti ad almeno due tipi di rischi per la sicurezza, basate su due diverse tecniche di hacking, definiti Meltdown e Spectre. La prima tecnica di hacking viene definita Meltdown perchè è in grado di superare tutti i sistemi di sicurezza normalmente applicati all’hardware; la seconda è chiamata Spectre perchè è in grado di effettuare un’esecuzione speculativa e perchè non è facile da risolvere. Questo secondo bug ci perseguirà per un bel po’ di tempo”.

  1. Violazione della garanzia implicita

  2. Violazione della garanzia espressa

  3. Negligenza

  4. Arricchimento ingiusto

  5. Violazione della legge sulla tutela dei consumatori del New Hampshire

  6. Violazione della legge commerciale generale di New York

Impossibile, a questo punto, prevedere i prossimi scenari riguardanti il problema Spectre-Meltdown, alla luce di un pubblico sempre più inferocito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>